Grosseto

2 maggio 1990, mercoledì

Partenza dalla stazione di Grosseto con treno 3269 alle 11:23; dalla stazione Termini di Roma bus per Fiumicino. Il volo AZ 864 delle 16:45 è annunciato con 30 minuti di ritardo per cause tecniche; siamo partiti con un’ora di ritardo. L'aereo è un MD 80 dell'Alitalia; metà dei passeggeri a bordo é costituito da tunisini rimpatriati con foglio di via. Viaggio perfetto con arrivo dopo un'ora; un po’ di problemi nel compilare il solito modulo d'ingresso risolto poi positivamente. All'ufficio cambio dell’aeroporto di Tunisi scambiate 400000 lire per 285,600 dinari. Il bus n°35 ci ha portati al centro di Tunisi. Alloggiamo presso l’hotel Salammbó in Rue de Grèce n°6 che é una traversa di Avenue Habib Bourguiba, all'altezza del Théâtre de la Ville de Tunisi; 12Dt per la camera n°54 arredata con tre letti, un vecchio armadio, un vecchissimo comodino con marmo frantumato in moltissimi pezzi e, dietro una tendina a fiori, un lavabo rotto con rubinetteria stile '800 ed un bidè. Ultimo piano con stretto e buio corridoio in fondo al quale c'è il gabinetto con tazza ingiallita e catenella in stile.
Andiamo verso la Medina; una bella piazzetta molto frequentata introduce in questo dedalo di stradine strette e buie con qualche negozietto di articoli vari ancora aperto. Gli unici frequentatori di queste stradine che notiamo sono ragazzi dall'aria sbandata ed un'infinità di gatti che rovistano tra i cumuli di immondizia per cui ne usciamo.
Siamo gentilmente allontanati da una moschea nella quale siamo entrati. L'Ave Bourguiba è la strada principale di Tunisi; é molto larga con una zona centrale pedonale ricca di panchine, edicole, chioschi ecc. che fa da spartitraffico alle due strade laterali utilizzate dai veicoli a motore, una per senso di marcia.
Due pizze e due birre Ceriz sono la nostra cena, 7,400dt; la pizza ha la sfoglia fine, la birra é poco gassata, buona. Al ritorno notiamo il cartellone del teatro sotto casa dove mettono in scena La presidente di Molière; l’interprete principale è Daniel Ceccaldi che in fotografia, truccato, somiglia incredibilmente ad Ugo Tognazzi.
Il gestore dell'hotel ci ha rilasciato la ricevuta che è intestata a… Mr. Giovani Azilio.

start prev next end